Se la tua auto ha il cambio automatico, il tagliando con cambio olio e filtri potrebbe non essere sufficiente per garantirne il buon funzionamento. Infatti, questa tipologia di cambio, per funzionare al meglio, deve essere correttamente lubrificato.

È quindi necessario smontare periodicamente il cambio automatico e pulirlo completamente, utilizzando un additivo lubrificante.

Come si riconosce la rottura del cambio automatico?

Inizialmente, si possono avvertire piccoli colpi all’inserimento delle marce. Se c’è un problema al cambio, questo avviene generalmente ad un regime giri più alto, con una selezione del rapporto di marcia poco confortevole e spesso non idoneo, oppure in salita.

I piccoli colpi sono dovuti allo sfregamento tra le parti in scorrimento che, in assenza di film lubrificante, si deteriorano; lo sfregamento provoca l’abrasione tra le parti e, quindi, la produzione di smeriglio: le particelle provocano dei piccoli blocchi e, di conseguenza, la difficoltà a cambiare marcia.

Se non si interviene subito, il cambio automatico inizierà a fare forti rumori, fino a bloccarsi del tutto, impedendo persino lo spostamento del veicolo.

Come si può prevenire la rottura del cambio automatico?

Nella maggior parte dei casi, il problema è la scarsa lubrificazione del cambio automatico.

Una corretta manutenzione che, oltre al cambio dell’olio e del filtro, comprende anche il lavaggio del cambio automatico, garantisce migliori prestazioni all’auto e maggiore durata al cambio.

Perché è importante il lavaggio del cambio automatico?

Quando non si esegue il lavaggio del cambio automatico, si lascia il convertitore di coppia con circa 4lt di olio sporco. Inoltre, bisogna tenere conto che il convertitore, girando velocemente, crea una centrifugazione dell’olio cambio: tutte le resine provenienti dall’usura delle frizioni e le molecole di smeriglio metallico provocano inevitabilmente il deterioramento delle parti mobili del cambio. Ancora, essendo più pesanti dell’olio, si fondono per effetto della notevole temperatura sviluppata all’interno del convertitore di coppia.

Se non viene effettuata la sostituzione, l’olio nuovo messo in coppa si mescolerà con quello vecchio e comincerà a trasportare tutte le sostanze dal convertitore al cambio, accelerando l’usura naturale del cambio automatico. Le conseguenze saranno il repentino deterioramento dell’olio, l’intasamento del filtro e la scarsa lubrificazione.

La necessità di una maggiore lubrificazione con olio perfettamente pulito diventa, quindi, fondamentale. L’olio completamente limpido è in grado di regolare perfettamente le frizioni e di velocizzare l’apertura di tutte le valvole di comando (comfort del cambio).

Perché si consiglia il lavaggio del cambio automatico con un additivo?

L’additivo scioglie in forma molecolare i depositi formatisi nel cambio e serve a predisporre lo svuotamento e il lavaggio del convertitore e di tutto il cambio. Solo l’olio perfettamente pulito, di base gruppo 4 alfapolioleofine, rimarrà nel cambio: questo è l’unico elemento performante nei cambi automatici.

Gli additivi servono a:

  • diminuire la temperatura di esercizio del cambio automatico;
  • dare una migliore regolazione alle frizioni;
  • rendere più rapida l’apertura delle valvole di comando marce;
  • rallentare notevolmente l’usura.

Ecco i nostri meccanici in azione!

Vuoi maggiori informazioni?
Lascia i tuoi dati, verrai ricontattato da un nostro specialista.

CONTATTACI ADESSO

© Copyright 2018 - Di Vina S.n.c. - P.IVA 05369140826